CMP Sicurezza & Privacy
CMP Sicurezza & Privacy

Telefono: 0694546258 Cellulare: 3926572974
Email: info@cmpsicurezza.it

La manutenzione degli impianti elettrici (Art. 86 D.Lgs. 81/08)

La news di questo mese è focalizzata sul rischio elettrico, nello specifico sulla manutenzione degli impianti elettrici.

Spesso si confonde la manutenzione da effettuare ai sensi dell’art. 86 del D.Lgs. 81/08, con la verifica degli impianti di messa a terra effettuata ai sensi del DPR 462/01; altre volte non si è affatto a conoscenza di questo importante adempimento.

Facciamo un po’ di chiarezza.

Il datore di lavoro ha l’obbligo di prendere tutte le misure necessarie affinché i lavoratori siano salvaguardati da tutti i rischi di natura elettrica connessi all’impiego dei materiali, delle apparecchiature e degli impianti elettrici messi a loro disposizione, comprese le condizioni di guasto ragionevolmente prevedibili. (Art. 80 del D.Lgs. 81/08)

A tale fine il datore di lavoro esegue una valutazione dei rischi, tenendo in considerazione:

  1. le condizioni e le caratteristiche specifiche del lavoro, ivi comprese eventuali interferenze;
  2. i rischi presenti nell’ambiente di lavoro;
  3. tutte le condizioni di esercizio prevedibili.

A seguito della valutazione del rischio elettrico il datore di lavoro adotta le misure tecniche ed organizzative necessarie ad eliminare o ridurre al minimo i rischi presenti, ad individuare i dispositivi di protezione collettivi ed individuali necessari alla conduzione in sicurezza del lavoro ed a predisporre le procedure di uso e manutenzione atte a garantire nel tempo la permanenza del livello di sicurezza raggiunto.

L’art. 86 del Testo Unico in materia di salute e sicurezza nei luoghi di lavoro, prevede che:

  1. Ferme restando le disposizioni del DPR 462/01, in materia di verifiche periodiche, il datore di lavoro provvede affinché gli impianti elettrici e gli impianti di protezione dai fulmini siano periodicamente sottoposti a controllo secondo le indicazioni delle norme di buona tecnica e la normativa vigente per verificarne lo stato di conservazione e di efficienza ai fini della sicurezza.

  2. L’esito dei controlli è verbalizzato (registro dei controlli di manutenzione) e tenuto a disposizione dell’autorità di vigilanza.

I controlli previsti dal citato articolo 86, sono quindi complementari alle verifiche previste dal DPR 462/01 e attualmente non è stabilita una periodicità. Si fa quindi riferimento alle norme tecniche (CEI) e vengono effettuati almeno intervallandoli alle verifiche del DPR 462/01 (che possono avere periodicità biennale o quinquennale).

Gli interventi da eseguire per un ambiente di lavoro ordinario, possono essere ad esempio:

  • esame a vista dell’impianto per verifica integrità
  • sgancio meccanico del salvavita
  • sgancio strumentale del salvavita
  • misura e verifica della messa a terra
  • controllo illuminazione di emergenza con annotazione della durata
  • serraggio dei morsetti dei quadri elettrici

Per richiedere informazioni o fissare un appuntamento con i nostri tecnici qualificati, scrivete a info@cmpsicurezza.it o telefonate allo 0694546258